eiffel 65 capannina versilia

Eiffel 65 Capannina

Eiffel 65 Capannina di Franceschi.

Concerto Eiffel 65 Capannina Forte dei Marmi: Venerdì 17 Agosto 2018.

Info e prenotazioni (anche via WhatsApp o SMS)  347.477.477.2 

Eiffel 65 Capannina di Franceschi a Forte dei Marmi: info e prenotazioni con un SMS o un WhatsApp grazie al portale del divertimento tra Forte dei Marmi e Viareggio.

Clicca ora su

WhatsApp chat
 (risponde Luca) per conoscere i prezzi Capannina della serata e prenotare con il massimo dei vantaggi.

La Capannina ospita gli Eiffel 65.

I mitici Eiffel 65 in Versilia ad accendere l’Estate in Capannina.

Il gruppo che ha scritto un’importante pagina della storia della musica dance accende l’Estate a Forte dei Marmi. La discoteca più vecchia del mondo è teatro di una storica serata.

Gli Eiffel 65 sono un gruppo musicale eurodance italiano nato nel 1998 negli studi della casa discografica torinese Bliss Corporation.

La formazione originale della band comprendeva il musicista Maury (all’anagrafe Maurizio Lobina), il front-man e cantante Jeffrey Jey (all’anagrafe Gianfranco Randone) e il disc jockey Gabry Ponte (all’anagrafe Gabriele Ponte).

Eiffel 65 La Capannina di Franceschi

Il nome “Eiffel 65”  è frutto della scelta casuale di un computer che individuò in un elenco di possibili nomi la parola “Eiffel”, alla quale fu aggiunto per errore il numero 65 le cui cifre appartenevano a un numero telefonico scritto su una demotape. Dopo il distacco di Gabry Ponte e la parentesi con i Bloom 06 che causarono lo scioglimento del gruppo nel 2006, nell’agosto del 2010 Maury e Jeffrey sono tornati a ricostituire il gruppo, inizialmente anche con Gabry Ponte e in seguito da soli.

Eiffel 65 alla Capannina: prezzi.

Scrivi per scoprire tutti i prezzi della serata e le formule consigliate.

Dalle 21.00

  • Cena alla carta
  • Cena Menu guidato
  • Cena + Tavolo disco balconata

Da 0.00

  • Tavolo bordo pista
  • Tavolo sala centrale
  • Tavolo Suite prive
  • Tavolo  piano bar
  • Tavolo Balconata
  • Prevendite disponibili con bonifico bancario

Eiffel 65 e la storia della musica dance.

Gli eiffel 65, che già avevano collaborato ad altri progetti interni alla loro casa discografica, per la quale lavoravano dai primi anni ’90, fondano il gruppo in questione nell’ambito della composizione di Blue (Da Ba Dee), canzone nella quale per loro stessa ammissione non nutrivano grandi speranze in termini di vendite. Il disco viene pubblicato ad ottobre del 1998, e senza “deludere le aspettative” non riscuote un particolare successo. Circa cinque mesi dopo il disco viene recuperato dall’emittente lombarda Discoradio, radio locale che trasmette in una vasta zona del nord Italia, specializzata nella trasmissione della musica Italodance. A questo punto scocca la scintilla, e Blue passa dall’anonimato alla fama nazionale e sull’onda del successo viene pubblicata anche al di fuori dei confini italiani (Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Australia, Spagna, Svizzera, Austria, Danimarca, Russia, Svezia, Finlandia, Norvegia, Grecia, Belgio, Paesi Bassi, Irlanda e Stati Uniti d’America), approdando nelle varie classifiche e raggiungendone in molti casi la vetta. Il singolo risulta, infatti, l’unico di un artista o gruppo italiano ad aver raggiunto la vetta della prestigiosa Eurochart Hot 100 Singles, oltre a Senza una donna (Without A Woman) di Zucchero, dal 1965 ad oggi.

Eiffel 65 La Capannina Forte dei Marmi.

A questo primo singolo ormai entrato nella storia della musica moderna fa seguito a quasi un anno di distanza Move Your Body, anch’essa hit da dancefloor, e allo stesso tempo irraggiungibile nelle classifiche di vendita in molti paesi, composta da Domenico Capuano assieme al DJ Roberto Molinaro, membri di casa Blissco. Il disco precederà l’uscita del primo album del gruppo, Europop (1999), un album pop. Arrivano a vendere con questo album più di 4 milioni di copie nel mondo di cui tre milioni solamente negli Stati Uniti (traguardo fino allora impensabile per un artista italiano), diventando così la band italiana di sempre ad essere riuscita a vendere più copie negli Usa. I tre chiudono il millennio con Too Much of Heaven, traccia estratta da Europop. Il brano affronta il tema del denaro in una società dove le cose materiali offuscano i valori dell’amore e dell’amicizia e il gruppo dimostra così di saper andare anche oltre la musica da discoteca.

A questo punto per gli Eiffel 65 inizia un tour mondiale che li porterà anche a Los Angeles. Durante questo periodo di promozione musicale (di circa un anno), il gruppo intanto continua a dedicarsi alla composizione di nuovi brani che andranno poi a costituire la track-list del secondo album: Contact! (2001). Il disco in questione, pur mantenendosi fedele al sound che la band aveva proposto fino a quel momento, si discosterà in parte dal primo album. Infatti, mentre Europop risentiva particolarmente delle influenze della dance del decennio corrente, il suono di “Contact!” trova le sue origini essenzialmente nelle melodie anni ottanta. A conferma di tutto ciò nel disco svetta come ultima traccia 80’s Stars, brano che riprende il ritornello di Centro di gravità permanente di Franco Battiato accompagnato da una tastiera elettronica che riproduce alla perfezione una melodia tipica degli anni Ottanta. Questa traccia è presente solamente nella versione italiana dell’album. Per l’estero il disco presenta come ultimo brano World in the World. Da questo secondo album verranno tratti i singoli One GoalBack in TimeLucky (in My Life) ed 80’s Stars. Verrà inoltre pubblicata su vinile Losing You, per il solo mercato canadese.

Il successo mondiale della band viene ulteriormente confermato quando il brano Blue (Da Ba Dee) viene inserito nei cinque brani selezionati per la nomination “Best Dance Recording” ai Grammy Awards del 2001, vinta però poi dai Baha Men con il brano “Who Let the Dogs Out?”

Nel 2002 esce il singolo Cosa resterà (In a Song), che riprende in parte la linea melodica di Now Is Forever, canzone contenuta in “Europop”, e che conferma la scelta di adottare nel cantato l’italiano alternato all’inglese come già è avvenuto per 80’s Stars.

Segue una pausa di parecchi mesi, dove il gruppo rimane assente dalle scene musicali…