8 marzo viareggio

8 Marzo in Versilia

8 Marzo nelle discoteche Versilia.

Festa della donna in Versilia 2018, info e prenotazioni: ☎ 347.477.477.2 (anche via SMS o WhatsApp).

Giovedì 8 Marzo Discoteche Versilia ti invita alla Churrascaria Maki Maki in Darsena a Viareggio.

Stai cercando una discoteca o un locale per festeggiare l’8 marzo – Festa della donna in Versilia?
Vuoi cenare con le tue amiche per l’8 marzo tra Viareggio e Forte dei Marmi?
Temi che nessuna discoteca sia aperta e che nessun ristorante organizzi qualcosa per ballare Giovedì 8 marzo?

Per fortuna, grazie al seo copywriting, questo sito ti offre informazioni sempre aggiornate e ai primi posti suoi motori di ricerca… Così trovi tutte le serate, le feste e gli eventi in Versilia che cerchi.

Discoteche aperte l’8 Marzo in Versilia.

Giovedì 8 Marzo 2018 l’unica discoteca/locale della Versilia aperto tra Forte dei Marmi e Viareggio è la Churrascaria Maki Maki Viareggio in Darsena, in Viale Europa 14 a pochi metri dal nuovo Maki Maki.

Se desideri passare una bella serata e festeggiare la Festa della donna con le tue amiche, non aspettare e prenota adesso al ☎ 347.477.477.2

Programma 8 Marzo Churrascaria Viareggio & Maki Maki.

  • Ore 21.00 cena speciale Festa della donna
  • Dalle 23.00 musica con il Dj Franco Lippi

Per una sera la discoteca Maki Maki torna nella sua sede storica in Viale della Repubblica 16.

Prezzi Festa della donna Versilia.

  • Cena con ingresso 25€ a testa con menu di mare o terra.
  • Tavolo dopocena con prosecco 60€ divisi tra tutte
  • Tavolo dopocena con Ferrari 90€ divisi tra tutte
  • Tavolo dopocena con champagne 150€ divisi tra tutte
  • Tavolo dopocena con superalcolico e lattine 150€ divisi tra tutte
  • Tavolo dopocena con superalcolico premium e lattine 180€ divisi tra tutte

Menu 8 Marzo Versilia.

8 marzo versilia

MENU TERRA

  • Crespella con Speck, Radicchio Trevigiano e Fonduta di Caprino
  • Tordelli del Franceschi al Ragù

Dal Churrasco:

  • Punta di Vitella
  • Tacchino Avvolto nella Pancetta
  • Bocconcini di Picanha
  • Rosticciana
  • Panna Cotta al Cioccolato

 MENU MARE

  •  Crespella ai Crostacei con Fonduta di Calamari e Sparnocchi
  • Risotto di Mare

Dal Churrasco:

  • Spada di Gamberoni e Scampi con Verdure di Stagione al Forno
  • Panna Cotta al Cioccolato

Resta sempre aggiornata sulle serate in Versilia.

Clicca “Mi piace”, “Segui” o direttamente sui loghi qui sotto.


Visita il profilo di Discoteche Versilia su Pinterest.

video versilia

discoteche foto

8 Marzo in Versilia, in Italia e nel Mondo.

da Wikipedia

L’8 marzo è il 67º giorno del calendario gregoriano (il 68º negli anni bisestili). Mancano 298 giorni alla fine dell’anno.

La Giornata internazionale della donna ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in quasi tutte le parti del mondo.[1][2] Rappresenta una delle due giornate dedicate ai diritti di genere, insieme alla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita il 17 dicembre 1999 e che cade ogni anno il 25 novembre, e che in comune con l’8 marzo ha il fatto di essere nata all’interno di specifici contesti politici e sociali.

Questa celebrazione si tiene negli Stati Uniti d’America a partire dal 1909, in alcuni paesi europei dal 1911 e in Italia dal 1922. Specialmente in passato e ancora oggi, ad esempio dall’UDI, viene anche definita Festa della donna.

In occasione della giornata della donna 2017 si auspica, da fonti ONU, che nel mondo sia raggiunta una effettiva parità di genere entro il 2030.

L’8 marzo 1972 la giornata della donna a Roma si tenne in piazza Campo de’ Fiori: vi partecipò anche l’attrice statunitense Jane Fonda, che pronunciò un breve discorso di adesione, mentre un folto reparto di polizia era schierato intorno alla piazza nella quale poche decine di donne manifestavano con cartelli chiedendo la legalizzazione dell’aborto e la liberazione omosessuale. Il matrimonio venne definito prostituzione legalizzata e circolò un volantino che chiedeva che non fossero lo Stato e la Chiesa ma la donna ad avere il diritto di amministrare l’intero processo della maternità. Quelle scritte furono giudicate intollerabili e la polizia, senza lo squillo di tromba previsto, caricò, manganellò e disperse le pacifiche manifestanti. In molte città d’Italia sono stati intitolati all’8 marzo strade e giardini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *